L.C. Valle Scrivia

MOBILITATO A FAVORE DEGLI ALLUVIONATI NELLO SPEZZINO: RACCOLTI 3100 EURO PER IL COMUNE DI ROCCHETTA VARA E PER IL MUSICISTA MARCO BUGLIANI, MOLTO NOTO NEL CHIAVARESE

Il Lions Club Vallescrivia, presieduto da Bruno Guzzo, si è mobilitato nei giorni scorsi in favore degli alluvionati dello Spezzino. Nella Sala Parrocchiale di Savignone (Genova) si è svolta una cena di beneficenza, il cui ricavato è andato a sostegno del Comune di Rocchetta Vara. Sono stati raccolti in tutto 3100 euro. «Una bellissima soddisfazione – afferma Bruno Guzzo (nella foto) – Alla cena hanno aderito con entusiasmo decine e decine di persone. Anzitutto, voglio ringraziare le nostre mogli, che hanno preparato i vari piatti, e poi don Gian Paolo, che ci ha gentilmente concesso gli spazi della Sala Parrocchiale». Alla cena per gli alluvionati dello Spezzino erano presenti il Vice Governatore dei Lions Avv. Fernando D’Angelo, l’Assessore di Rocchetta di VaraFrancesca Biggeri e il geologo Sergio Pedemonte, che nel Cinema Parrocchiale ha svolto un’approfondita relazione sullo stato della post Alluvione nello Spezzino. Oltre al Comune di Rocchetta Vara, una parte dei proventi sono andati anche al musicista Marco Bugliani, artista molto noto nel chiavarese, la cui abitazione di Brugnato è stata distrutta nell’ottobre scorso, comprese tutte le preziose strumentazioni musicali. «Dopo le varie iniziative prese a favore delle Cinque Terre – afferma Bruno Guzzo – abbiamo cercato di individuare situazioni particolari dove concentrare il nostro aiuto.
L’amico geologo Sergio Pedemonte ha fatto un sopralluogo e ci ha indicato Rocchetta Vara come uno dei comuni più duramente colpiti. Altra situazione particolarmente grave è quella in cui si trova un amico musicista di Brugnato che, in pochi secondi, si è visto spazzar via casa, sala registrazione e strumenti dalla furia delle acque. Il pensare a una serata conviviale benefica e l’organizzarla è stato un tutt’uno.
Non potendo usufruire della nostra sede colpita dal gravissimo lutto per la scomparsa dell’amico Giacomo che per tanti anni ci ha seguito con professionalità e simpatia e che doverosamente ricordiamo, ci è venuto in aiuto il parroco di Savignone, Don Gian Paolo, che ci ha messo a disposizione la sala di proiezione e gli spazi attigui dell’oratorio con entusiasmo. Devo dire con un certo orgoglio che tutti gli amici che personalmente ho interpellato hanno risposto subito. Due di loro, in particolare, Sergio Rossi scrittore e gastronomo e “Sinto” Chiarolini, figura ben nota nel commercio in valle, non potendo partecipare personalmente, hanno comunque inviato il loro contributo. Da segnalare poi la ditta“Paolo e Gian” che ci ha fatto omaggio delle sue ottime insalate russe.
Anche i sindaci di Isola del Cantone, Montoggio,Savignone e Vobbia non hanno voluto mancare all’appuntamento».La serata ha fruttato 3.100 euro che sono stati così suddivisi: 2.300 a Rocchetta Vara e 800 al pianista sfortunato. Che ha tenuto a ringraziare tutti per la generosità: «Grazie infinite a tutti del pensiero. Anche questo mi permetterà di risollevarmi dopo quello che è successo. Ho perduto tutto durante l’alluvione del 25 ottobre 2011, dalla casa a tutto quello che conteneva.
Il seminterrato conteneva lo studio di registrazione con circa 250.000 euro di strumentazione raccolta nel tempo: pianoforte a mezza coda Kaway, due flauti traverso (uno d’oro), due ottavini, sei tastiere, due mixer, tromba, violino, fisarmonica, sei computer, moduli vari da studio (riverberi, lettori), oltre tutti i libri di musica e tutti i cd raccolti durante la vita. Non si è salvato nulla, anzi non ho trovato neanche l’ombra di un mobile o altro, a parte il pianoforte. Devo solo ringraziare il fatto di essere andato a scuola 30 minuti prima che arrivasse l’onda di piena».
Fonte: http://www.sevenpress.com
Annunci