L.C. Pantelleria

PREVENZIONE E DONAZIONE: IL SENSO DELLA VITA

Il tema della Donazione, correntemente affrontato nell’arco dell’anno che volge quasi al termine, ha indubbiamente posto il Lions Club di Pantelleria sotto una luce inesauribile per la sua significativa indole, che si caratterizza nella realizzazione di progetti umanitari in grado di coinvolgere la qualsiasi associazione o il qualsiasi gruppo con obiettivi analoghi.

A partire dalla collaborazione fattiva con TELETHON, alla fine dello scorso anno, ci si è avvicinati con naturale ovvietà, per rafforzare l’identità solidale al di là di qualsiasi etichettata appartenenza, alla produttiva intesa dapprima con l’A.I.L. (Associazione Italiana Leucemie), successivamente con l’A.I.D.O., ottenendo notevoli risultati sul nostro territorio, grazie ad una soddisfacente rete viaria scambievole, edificata e percorsa da veicoli alimentati unicamente dall’energia del cuore, quasi si fossero allineati su disegno superno, per proseguire insieme sulla strada della condivisione.

Tale sinergia d’intenti ha donato, a noi per primi, riscontri positivi inimmaginabili, considerati gli ostacoli di ordine socioculturale nonché le barriere insormontabili di pregiudizi di varia natura. Con nostra grande esultanza, abbiamo condiviso, da drammatici accadimenti divenuti occasione di beneficio nei confronti della vita, momenti di estrema generosità, dando unità e continuità alla dicotomia vita-morte, due concetti esistenziali spesso considerati polarità che si respingono, ma che in realtà giustificano la loro essenza proprio nell’attrazione e nella repulsione reciproche che li contraddistinguono.

Encomiabile l’inatteso consenso di donazione degli organi da parte di Mohammed Messaoud, conosciuto da tutti i panteschi con il nome di Giovanni, e divenuto in tal modo quarto donatore a Pantelleria, senza comunque trascurare le donazioni di cornee registrate nell’isola in questo ultimo periodo.

La morte improvvisa di Giovanni ha fatto sì che, dall’angoscia e dal dolore della morte, si potesse riscattare il senso della vita con generosa ed amorevole possibilità di trasferimento. Ci è sembrato pertanto doveroso coinvolgere la figlia Francesca nelle due giornate dedicate alla Prevenzione e alla Donazione, il ed il dicembre scorsi, offrendo simbolicamente, a lei come alle mamme di Enrico, Stefano ed Eva, un mazzo di fiori, a testimoniare la vittoria della vita, che riesce a sbocciare anche nel più tragico degli eventi.

Ed ai bambini, l’impegno a mantenere vivo il messaggio sulla vita, proponendo loro delle riflessioni spontanee su quanto vissuto durante la giornata dell’anniversario di Eva, che andranno ad alimentare un concorso lanciato dall’A.I.D.O. con finalità educative inerenti la tematica stessa. Con l’approssimarsi del Natale, noi tutti ci auguriamo di poter continuare con sempre maggiore consapevolezza sulla strada che ci avvicina al prossimo, con grande altruismo, facendoci comprendere che il senso della vita sta proprio nella circolarità del nostro dare senza calcolare tornaconto alcuno.

Stefano Ruggeri e Franca Zona Ufficio Stampa Lions Club – Pantelleria 

Fonte: Pantelleria Internet

Annunci