L.C. Montefiascone Falisco-Vulsineo

10mila euro ai Lions per i bimbi della Guinea

Un’importante ditta di Valentano dona 10mila euro ai Lions per operare bambini in pericolo di vita nella Repubblica di Guinea.

Il denaro donato sarebbe dovuto servire ad acquistare gli usuali pacchi dono da regalare a fornitori e clienti in occasione delle recenti festività. Viceversa la ditta ha ritenuto ben più utile e confacente allo spirito del Natale, destinare la somma preventivata a un’opera di alta umanità, di cui si occupa il Club Lions di Montefiascone.

“Nella Repubblica di Guinea – spiega il presidente del club, Claudio Galeotti – è presente un solo ospedale in grado di lavorare con efficacia, ed è gestito da una società multinazionale in Kamsaar che si occupa di attività estrattive.

Nella zona sono frequenti gravi patologie nei bambini, che possono condurli alla morte se non si interviene tempestivamente chirurgicamente. L’ ospedale è in grado di compiere interventi chirurgici tali da poter salvare la vita, ma per l’ intervento deve essergli corrisposto un compenso di 500 euro che, nella stragrande maggioranza dei casi, è assolutamenbte fuori dalla possibilità della popolazione locale. Gli interventi sono gratuiti solo per gli operai della compagnia della bauxite.

Da qui l’ idea dell’ attuale attività dei Lions: corrispondere noi, Lions Clubs, il compenso per l’ effettuazione di operazioni chirurgiche volte a salvare la vita. In pratica la direzione dell’ospedale invierà al Club, la richiesta di intervento, con il nome del bambino, possibilmente la sua foto e la tipologia della malattia.

Il Club, accrediterà tramite banca e direttamente sul c/c dell’ Ospedale presso la Repubblica di Guinea la somma, e quindi il chirurgo italiano che opera volontariamente nell’ ospedale potrà procedere e ci attesterà l’ avvenuto intervento, con i risultati.

Ringraziamo pertanto la generosità encomiabile della ditta valentanese che con apprezzabile modestia non vuole essere nominata. Vale la pena di dire che già nel 2006 la popolazione valentanese si era distinta per essersi prodigata in una raccolta fondi, sempre promossa dal Lions Club di Montefiascone per realizzare un pozzo di acqua potabile nella Repubblica di Guinea. In quella occasione venne a Valentano a ringraziare lo stesso ambascatore della Guinea. La stampa indicò Valentano come “Capitale della Beneficenza”.

C’è da augurarsi che il nobile esempio della anonima ditta sia seguito da altre, invitate a riflettere che ciò che si spende per il superfluo può essere utilizzato per il necessario solo cambiandone il destinatario.

Che l’ idea sia stata ottima è dimostrato anche dalle numerose attestazioni di stima e apprezzamento che le sono state tributate da clienti e fornitori, i quali volentieri hanno fatto a meno del solito, superfluo, pacco dono in cambio della consapevolezza che l’irrisoria rinuncia serve a salvare la vita di un bambino.

Fonte: http://www.tusciaweb.eu

Annunci