L.C. Thiene

Giovani e Teatro Connubio possibile grazie al Lions club.

Trovata la chiave per avvicinare i giovani alla grande prosa. Il service del Lions Club Thiene, che ha regalato agli studenti di quarta e quinta superiore 330 ingressi gratuiti a teatro nella stagione precedente e 500 nell’attuale, ha aumentato il consumo culturale in città del pianeta giovani. «Perché – sottolineano l’assessore alla cultura Anna Maria Fiengo e il presidente Lions Antonino Chirico – i ragazzi possessori del biglietto gratuito hanno convinto altri amici ad andare a teatro, anche affrontando insieme la spesa di ulteriori ingressi». La capacità comunicativa, educativa e di relazione del mondo teatrale ha dunque contagiato gli studenti, tramite il progetto “I giovani a teatro” promosso dall’Amministrazione comunale, in collaborazione con il circuito teatrale Arteven e con il Lions Club Thiene. «Perché la cultura è elemento essenziale per la crescita di una comunità», sostiene l’assessore.

«Come Amministrazione comunale vogliamo diffondere buone prassi nella partecipazione giovanile, attraverso questo progetto che, oltre ai biglietti gratuiti del Lions, prevede incontri fra studenti e attori». «Un’esperienza istruttiva e fantastica – scrive Federico Cavraro, rappresentante degli studenti dell’Ipsia – che ci ha aperto gli occhi su nuove forme di utilizzo del tempo libero».

Anche il Lions Club Thiene sta investendo molto sui giovani. «Partecipiamo – sottolinea il presidente Chirico – a “Meno alcol più gusto”, a “Educare alla salute con il teatro”, al progetto “Martina” con interventi dei soci Lions nelle scuole. Abbiamo donato alla Sede del Duomo la strumentazione audio-visiva necessaria a sostenere l’opera educativa e culturale dei ragazzi e sponsorizziamo “Jesus Christus superstar” in programma il 31 marzo in Sede».

Ma il migliore service è permanente e non costa nulla, grazie alla disponibilità dell’avvocato Luigi Galvan che da anni illustra la costituzione italiana agli alunni di terza media e ai quali il nostro club regala il testo».

Maria Porra 
Fonte: http://www.ilgiornaledivicenza.it
Annunci