Mondo Lions: Una grande opportunità

di Gabriele Sabatosanti Scarpelli *

Il tema di studio sulla donazione del cordone ombelicale ha evidenziato, durante il susseguirsi in questi mesi dei diversi eventi che sono stati organizzati sul territorio nazionale, alcune caratteristiche che potrebbero rappresentare per noi Lions l’opportunità di vederci in prima linea per sostenere un argomento di elevato impatto sociale e in grado di dare un’ampia visibilità alla nostra attività di servizio.

Ne consegue che il nostro tema di studio contiene le componenti necessarie per convincerci ad offrire il nostro massimo impegno per lo sviluppo di questo importante settore della ricerca medica, perché l’utilizzo delle cellule staminali rappresenta uno degli argomenti scientifici più significativi e in grado di rivoluzionare il modo di curare tante malattie, soprattutto quelle del sangue.

E’ un settore della ricerca relativamente giovane perché si è sviluppato soprattutto negli ultimi anni con molti aspetti ancora da scoprire, ma è destinato a divenire uno dei campi scientifici dal quale si attendono risultati eclatanti. La conoscenza della potenzialità delle cellule staminali non è molto diffusa e la sensibilità alla donazione del cordone ombelicale è in Italia decisamente bassa: si pensi che, ad oggi, il 95 per cento dei cordoni ombelicali vengono buttati via e solo quel piccolo 5 per cento viene utilizzato.

Inoltre, molte strutture sanitarie non sono attrezzate per la raccolta delle sacche cordonali, anche se l’operazione è estremamente semplice. Il personale ospedaliero, sia medico che paramedico, i medici di famiglia e le future madri non sono adeguatamente sensibilizzati sull’importanza della donazione. Non vi sono strutture e organizzazioni di ampie dimensioni che oggi abbiano colto l’occasione di farsi portatori di un messaggio ad ampio raggio e di forte peso mediatico su una tematica di così profondo interesse per il bene comune.

Pertanto, noi Lions abbiamo una splendida occasione per impegnarci, per scendere in campo, per sostenere un service d’opinione concreto, di sicuro interesse, che permette di offrire agli altri il dono più importante: il dono della vita.

Un service che ci darà anche l’opportunità di diventare tra i primi sostenitori a livello nazionale di un processo divulgativo di ampia portata e che ci permetterà di trasmettere una buona immagine dell’associazione all’esterno.

Sono convinto che il modo migliore per dare visibilità all’associazione sia quello di sviluppare progetti importanti e di elevato valore: la divulgazione della donazione del cordone ombelicale è un’opportunità a nostra disposizione, cerchiamo di non perderla.

*Governatore del Distretto 108 Ia2 e delegato dal Consiglio  e delegato dal Consiglio dei Governatori al tema di Studio Nazionale

Advertisements