Mondo lions: Una vaccinazione, una vita

di Roberto Fresia *

E’ oramai trascorso 1 anno da quel 11 marzo 2011 in cui il Giappone è stato devastato dalla tripla catastrofe (terremoto, tsunami e incidente nucleare di Fukushima). E’ stato il terremoto più forte di sempre ed ha causato oltre 15.000 morti, 26.000 feriti e ingenti danni strutturali nel nord-est del Giappone. L’Imperatore del Giappone Akihito, in una cerimonia commemorativa al Tokyo National Theatre ha detto: “Noi non lasceremo che la nostra memoria dissolva il disastro… spero che tutte le persone manterranno le vittime nei loro cuori”.


Grazie all’impegno dei Lions di tutto il mondo sono stati raccolti più di 21 milioni di dollari, noi Lions del MD 108 Italy abbiamo contribuito con l’invio di 387.702,57 dollari. 
Quasi la metà dei fondi raccolti sono stati utilizzati per sostenere i bisogni immediati: cibo, acqua potabile, alloggi temporanei ed abbigliamento. Attualmente, i Lions giapponesi stanno impegnando i loro sforzi per la ricostruzione a medio e lungo termine. Recentemente i Lions Giapponesi hanno avviato un progetto per ridurre i livelli di radiazioni negli edifici e nelle case attraverso l’utilizzo di 2.000 idropulitrici.

Questo progetto avrà un impatto su circa 20.000 persone ed è solo uno dei tanti modi in cui i Lions Giapponesi stanno aiutando i membri della comunità a ricostruire le loro vite.
Questa storia ha dominato i titoli dei giornali per mesi, mentre un altro disastro, che avviene ogni giorno, non trova spazio sui giornali: è quello dei bambini che muoiono di morbillo.

Ne muoiono 450 ogni giorno per il morbillo (un bambino ogni 3 minuti!), e molti altri subiscono effetti collaterali gravi, quali la polmonite, o altre cause che impediranno per sempre a quelle creature una vita normale. La vera tragedia è che questo disastro sarebbe facilmente prevenibile. Il costo di una vaccinazione è di 1 dollaro soltanto ed è sufficiente per salvare un bambino dal morbillo.

La vaccinazione contro il morbillo non ha infatti scadenza, con la vaccinazione si è immuni dalla malattia per sempre. Ovviamente per poter debellare la malattia occorrono vaccinazioni di massa e, questo, è il motivo per cui i Lions, oggi, sono stati prescelti, dopo l’avvia della Campagna di vaccinazione nel 2001.
Bill Gates Senior ci ha spiegato, durante il suo intervento alla Convention di Seattle, perché la Fondazione Bill & Melinda Gates, dopo 10 anni, avesse scelto i Lions. Un discorso toccante e che ci rende orgogliosi, perché è l’indice dell’apprezzamento di quello che noi facciamo.

I Lions sono stati identificati quali partner di questa “battaglia” per la loro presenza in ogni parte del mondo; per l’impegno di sempre verso i problemi della salute nelle loro comunità (Sight First in testa, ma non solo); per il costante impegno a favore delle persone più deboli e bisognose; per i risultati concreti raggiunti che hanno permesso di migliorare la vita a milioni di persone; per il fatto che ogni somma raccolta sia impegnata al 100% nei progetti.

I Lions all’interno di questa Campagna mondiale forniranno il loro contributo in questo modo:
– raccogliendo e offrendo 10 milioni di dollari per l’iniziativa sul morbillo;
– affiancando questi fondi al contributo integrativo di 5 milioni di dollari promesso dalla Fondazione Bill & Melinda Gates, raggiungendo così un totale di 15 milioni di dollari;
– mobilitando ed educando la popolazione nei paesi considerati prioritari per il morbillo riguardo all’importanza delle vaccinazioni (e noi siamo in tutti i Paesi);
– propugnando ai massimi livelli politici ed amministrativi investimenti in programmi di vaccinazioni di routine.
Occorre sapere che in Madagascar, la vaccinazione di 3 milioni di bambini è avvenuta solo grazie ai Lions, in quanto l’attuale governo del paese non è riconosciuto dalle Nazioni Unite. I Lions hanno operato come punto di collegamento tra l’Organizzazione Mondiale della Sanità e il governo del Madagascar.

I Lions e l’iniziativa sul morbillo, in Madagascar, hanno:
– assunto 15.000 operatori sanitari locali;
– pagato la pubblicità per radio e TV per annunciare la campagna di vaccinazione;
– annunciato la campagna attraversando diverse località con camion a noleggio muniti di altoparlanti;
– stampato e distribuito poster e brochure;
– coinvolto i Leo nelle attività di sensibilizzazione;
– creato e pubblicizzato una canzone;
ed alla fine, hanno anche esteso di una settimana la campagna contro il morbillo, consentendo così a un numero maggiore di famiglie di recarsi al centro di somministrazione e ricevere il vaccino, giungendo così ad una copertura del 90% di vaccinazioni eseguite sui bambini.


Il Presidente della LCIF, Sid Scruggs, ha visitato, nel mese di febbraio, il Nepal dove ha dato il via alla campagna di vaccinazione contro il morbillo che raggiungerà 9,9 milioni di bambini entro quest’anno. 
Per aiutare a vaccinare 157 milioni di bambini in tutto il mondo nel 2012, i Lions si sono impegnati a raccogliere più di 10 milioni di dollari, raccogliendo la sfida lanciataci dalla Fondazione Bill & Melinda Gates che contribuirà con 5 milioni di dollari al raggiungimento di questo obiettivo. 

Ad oggi i Lions, per la campagna contro il morbillo, hanno già raccolto 1.200.000 dollari, i Lions italiani hanno sinora contribuito con 41.256 dollari, ma ne serviranno 10 volte tanto entro il 30 giugno 2012. Abbiamo solo tre mesi, ma sono convinto che, come sempre, non ci tireremo indietro!

*Coordinatore Multidistrettuale LCIF per l’Italia, Malta, San Marino e Vaticano.

Annunci