L.C. Lucca Host

La sanità lucchese e il suo futuro al centro di un incontro ai Lions.

Il tema delle sfide della sanità lucchese è stato al centro della conferenza organizzata dal Lions Club Lucca Host, che si è svolta nei giorni scorsi al Grand Hotel Guinigi di Lucca. Al centro della serata la relazione del direttore generale dell’Azienda USL 2 Antonio D’Urso che, insieme al direttori sanitario Joseph Polimeni e al direttore amministrativo Alessia Macchia, ha presentato la situazione attuale e le prospettive future del sistema sanitario lucchese, a partire dai due nuovi ospedali, quello in fase di realizzazione a S.Filippo e quello unico della Valle del Serchio per il quale è stato firmato un protocollo d’intesa con i sindaci.

Il dottor D’Urso ha illustrato in particolare come sarà il nuovo ospedale di Lucca, indispensabile perché, l’attuale “Campo di Marte”, “presenta limiti igienico-strutturali che lo rendono inadeguato a rispondere alle esigenze della cittadinanza”.

Per quanto riguarda l’assetto dell’attività territoriale, il direttore generale ha sottolineato la necessità di implementare i servizi nella zona ovest della Piana di Lucca, mentre la copertura ad est è già abbastanza soddisfacente.

La riorganizzazione dovrà essere concertata con i sindaci, come ha confermato il presidente dellaConferenza dei Sindaci Giorgio Del Ghingaro, presente anche lui alla serata, il quale parlando del nuovo ospedale ha poi riproposto il problema della viabilità: devono essere realizzate le strade per raggiungere la nuova struttura.“L’auspicio – ha detto Del Ghingaro – è che i nuovi scenari sociali e politici rendano possibile effettuare questi collegamenti viari, che in un anno possono essere tranquillamente realizzati, in maniera che a febbraio 2014, quando la struttura verrà attivata, non ci siano difficoltà a raggiungerla”.

Il Prefetto di Lucca Alessio Giuffrida ha ripreso il tema della viabilità, sottolineando di aver sollecitato anche in sede ministeriale la realizzazione dei nuovi assi viari e di essere pronto a insistere perché sia effettuato questo intervento fondamentale per il futuro di Lucca. Il Prefetto, riprendendo un concetto espresso dal dottor D’Urso, ha inoltre auspicato che dall’attuale crisi generale possa originarsi una “rinascita” ed una fase di crescita per tutta la comunità.

La serata era stata introdotta dal presidente del Club Guido Roggi, il quale anche da medico ha messo in evidenza l’importanza dei temi trattati. Hanno partecipato le maggiori autorità cittadine, tra cui anche il questore di Lucca Francesco Nicola Santoro, il comandante provinciale deiCarabinieri colonnello Stefano Fedele e il comandante provinciale della Guardia di Finanza colonnello Gabriele Failla, insieme a numerosi altri importanti ospiti.

Fonte: http://www.loschermo.it

Annunci