Home > Distretto YA > Distretto 108 YA

Distretto 108 YA

30 maggio 2012

Emergenza insolvenze, da Napoli una proposta: non fallisca chi vanta crediti pubblici adeguati.

Non costituisce motivazione d’insolvenza la crisi finanziaria di un imprenditore dovuta esclusivamente a ritardi nei pagamenti da parte della pubblica amministrazione: è la proposta che viene da Napoli per arginare il dramma degli imprenditori in crisi di liquidità.
A farsene promotore è l’avvocato Ermanno Bocchini, ordinario di Diritto commerciale all’Ateneo Federiciano e docente di Tutela della proprietà intellettuale nella società dell’informazione alla Luiss.
“In pratica propongo – spiega Bocchini – un’interpretazione autentica dell’articolo 5 della legge fallimentare, che l’esecutivo dovrebbe recepire mediante decreto”. La proposta di Bocchini è stata approvatandal congresso del Distretto 108 Y A dei Lions Club, di cui è presidente Michele Roperto.
Il club sta appoggiando l’iniziativa inviando telegrammi di sollecito alla Presidenza del Consiglio e alla presidenza della Repubblica.
“Su questa iniziativa – precisa Ermanno Bocchini – stiamo insomma mobilitando la società civile. In poche ore sono partiti alla volta di Roma già 130 telegrammi”. La proposta di decreto potrebbe servire concretamente ad arginare il fenomeno dei suicidi degli imprenditori in crisi che in queste ultime settimane sta funestando le cronache, da Nord a Sud.
Se questa proposta – conclude Bocchini – diventasse operativa si salvaguarderebbe anche il valore di imprese sane e di mercato e si eviterebbero quindi ulteriori emorragie di posti di lavoro. Il tutto a costo zero per le finanze pubbliche”.
Categorie:Distretto YA
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: