Home > LC Termini Imerese Host > L.C. Termini Imerese Host

L.C. Termini Imerese Host

31 maggio 2012

Il Presidente del LC Termini Imerese Host,  Roberto Tedesco, traccia il lavoro svolto in questo anno sociale.

Quando mi chiesero di assumere il ruolo della presidenza dei Lions Club Termini Imerese Host, non vi nascondo di aver avuto un senso di panico dovuto dall’importanza del compito che mi veniva affidato. Superato il primo momento, posso affermare senza indugio, che quest’anno, almeno per quanto mi riguarda, lo definirei indimenticabile.

Abbiamo voluto dare un senso al percorso realizzato avendo come obiettivo principale la solidarietà.

Così, la drammatica tragedia dell’Esodo delle genti d’oltremare che da più anni interessa il Nostro Paese e per esso la nostra prima frontiera in terra di Sicilia: Lampedusa, ha indotto i due Clubs termitani d’iniziare l’Anno Sociale con l’assegnare l’annuale premio di solidarietà, localmente istituito e denominato “Santu Baddaru”, al popolo di Lampedusa per “la generosa solidarietà dimostrata con l’accoglienza e l’aiuto alle Genti d’Africa nel loro doloroso Esodo”. 

        Questa esperienza ha rappresentato il principio di un cammino dedicato alla solidarietà rivolta agli uomini e alle donne che hanno avuto dalla vita un destino non certo facile, soprattutto in questo momento difficile in cui il nostro territorio attraversa una crisi senza precedenti con la chiusura delle nostre fabbriche.

        E con questo stato d’animo abbiamo voluto indirizzare le nostre iniziative alla solidarietà rivolta ai più deboli.

        Abbiamo festeggiato il Natale, insieme con i giovani della comunità terapeutica dell’Opera don Calabria.

        In quella occasione abbiamo donato una pedana metallica, realizzata dal nostro socio Luigi Lo Nero, utile per far accedere più agevolmente i diversamente abili impegnati nei corsi di ippoterapia. Inoltre, come tutti ricorderanno, il pranzo è stato preparato dal nostro socio, il maestro Natale Giunta, che per l’occasione ha messo a disposizione la sua prelibata arte culinaria ormai famosa in tutta Italia grazie alle sue innumerevoli partecipazioni a programmi televisivi della RAI.

        Lampedusa ha rappresentato la colonna portante di questo anno della mia presidenza. Un ulteriore esempio, è stato il pastorale che abbiamo voluto donare, a nome della comunità locale, al Cardinale di Palermo, S.E.R. Paolo Romeo.

        Realizzato con i legni dei barconi degli immigranti sbarcati a Lampedusa  e scolpito dalla sapiente arte del falegname locale Franco Tuccio, – così come lui stesso ama definirsi –  vuole rappresentare il dramma che anche la nostra comunità termitana vive quotidianamente con la perdita sempre continua di posti lavoro.

        Questo gesto vuole essere una speranza così come per le Genti d’oltre Mare che approdano nella nostra terra di Sicilia in cerca di un futuro migliore anche per la nostra comunità deve rappresentare la speranza e la fede verso un futuro migliore.

        E’ stato un anno intenso e ricco di emozioni e il merito non mi appartiene.

        Esercitare il ruolo di Presidente dei Lions Club di Termini Imerese Host, con il Direttivo di quest’anno, aggiungo di alto prestigio e competenza Lionistica, è stato tutto molto più semplice !.

        Ritengo di essere stato fortunato ad avvalermi della collaborazione, forse aggiungerei senza precedenti, del past governatore, sempre accanto con un entusiasmo instancabile in tutte le iniziative proposte: Franco Amodeo; un impeccabile segretario sempre pronto a dare i giusti suggerimenti: Enzo Corso; un attento e scrupoloso  tesoriere nonchè past president: Totò Mantia,  ed ancora l’instancabile entusiasmo di Rosario Quattrocchi.

        Posso inoltre ritenermi fortunato di avere avuto come indispensabile collaboratore nelle funzione di cerimoniere ma anche di attore come abbiamo potuto ammirare a Carini nella recitazione dei versi della Divina Commedia di Dante: Mimmo Minà; ed ancora non avremmo fatto quello che è stato fatto senza il contributo di Roberto Cipolla, Pietro Morreale e Salvatore Sansone, nei ruoli di consiglieri.

        Un grazie anche ad Ettore Amodeo, Domenico Campisi, Giuseppe Badalì Giuseppe Catanzaro, Giuseppe Di Lisi, Pasquale Giuffrè e Orazio Aiello, che nei differenti rispettivi ruoli mi sono stati accanto in ogni circostanza, contribuendo fattivamente con i loro validi suggerimenti.

        I service hanno avuto una risonanza con la stampa locale e nazionale; le  testate giornalistiche tra le più prestigiose del panorama nazionale si sono interessate di noi. Tutto ciò è merito di Mariano Barbara, che ha curato le relazioni con la stampa. Egli è stato autore e curatore di un sito internet in cui sono confluite tutte le notizie del mondo lionistico e dei Clubs del multidistretto. Dal mese di luglio 2011 a tutt’oggi, sul sito tuttolionsitaly sono stati conteggiati oltre 76.000 contatti.

        Infine, non certo per ultimi, voglio ringraziare Evelinda Preti e Luigi Spitaleri ed i loro staff, rispettivamente presidenti del Club Termini Himera Cerere e dei Leo Club che – insieme a me – hanno condiviso quest’anno sociale numerose iniziative.

        Sono pienamente convinto che gli uomini e le donne del il mio club hanno dimostrato un grande entusiasmo. Esso non si spegnerà mai e tutto ciò grazie a coloro che ne fanno parte.

SENZA ENTUSIASMO NON SI E’ MAI COMPIUTO NIENTE DI GRANDE.

        Grazie.     

 

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: