Mondo Lions: Un anno in tre giorni.Quasi mille delegati provenienti da tutta Italia hanno partecipato ai lavori del 60° Congresso Nazionale.

di Sirio Marcianò

L’importante appuntamento annuale dei lions italiani si è svolto a Genova dal 18 al 20 maggio.

Alle 17,24 di venerdì 18 maggio il cerimoniere Gianni Gomba ha aperto ufficialmente il 60° congresso nazionale del nostro multidistretto. Subito dopo, è stato proiettato un suggestivo filmato, che ha racchiuso in pochi minuti eventi e persone che hanno fatto grande il lionismo italiano, e sono stati consegnati ufficialmente due nostri cani guida a due non vedenti. Sempre in apertura, il sindaco di Genova Marta Vincenzi, socia del Lions Club Genova Host, ha detto che “il lionismo è fresco anche dopo 60 anni perché parla al cuore delle persone”, mentre monsignor Giorgio Rebecchi, amministratore diocesano, ha parlato a lungo dell’apprezzato intervento dei Lions a favore degli alluvionati della Liguria. Continua a leggere

Mondo Lions: Io ci credo

di Danilo Guerini Rocco *

Tanti erano i DOBBIAMO che cantilenavano la pagina 18 di Vitalions n.04, del 31 aprile 2011, dove esponevo le mie linee programmatiche, a pagina 16 del n.05, 31 maggio 2011, la narrazione di ESPERIENZA UNICA, la formazione, che mi proiettava attraverso una democratica votazione, non priva di simpatiche bravate, al Congresso Nazionale di Torino verso l’incarico di Governatore Distrettuale.

Tanta l’Olona che è passata tra le pale dei mulini della valle omonima, le stagioni sono mutate, la vita ha continuato il suo corso, alcuni, tra cui quelli a me più cari, non ci sono più, fondamentalmente si è reiterato il ciclo delle cose, il normale trascorrere del tempo, in una parola la vita. Per bacco, cosa credevo, cosa pensavo, cosa mi credevo o cosa mi pensavo. Continua a leggere

Mondo Lions: La rassegna stampa va oltre i confini

di Franco Amodeo*

Grazie alla “Rassegna Stampa Web” abbiamo dimostrato che il Lions c’è, è modo di vivere ed è giornalmente partecipe alla vita comune con l’obiettivo primario di evidenziare i problemi della società.

Il  “mondo” guarda la nostra Rassegna Stampa Web sulle attività degli oltre 1.300 club italiani e tanti Lions di varie nazioni si complimentano per la magnifica iniziativa del LC Termini Imerese Host (presidente Roberto Tedesco) curata in maniera eccezionale da un vero Lions che è Mariano Barbàra. Continua a leggere

Mondo Lions: 5 milioni di euro… buttiamoli nella spazzatura

di Sirio Marcianò

Ci siamo chiesti perché perdiamo soci tutti i giorni? Ci siamo chiesti perché, pur utilizzando tutti gli anni cifre enormi, nessuno si accorge di noi e ancor meno se ne accorgono i media? Ci siamo chiesti perché, pur facendo in Italia 9.000 service, centinaia di convegni e tavole rotonde, decine di raccolte di fondi, abbiamo soci poco motivati? Se ce lo siamo chiesti e conosciamo le risposte perché non corriamo ai ripari? Perché non fermiamo l’emoraggia dei soci? Perché non gestiamo meglio i nostri soldi e perché non facciamo meno cose ma più concrete, con l’obiettivo di farci anche conoscere, perché la conoscenza porta senso d’appartenenza ai soci e sponsor alle nostre iniziative?

Finiamola di dire che non serve essere conosciuti, perché questo è lo slogan di chi si accontenta. Continua a leggere

Mondo lions: Il lionismo che sogno

di Franco Cirillo*

L’avviarsi al termine di questo anno sociale mi induce a scrivere queste poche righe per esprime un pensiero sul modo di essere Lions. Ovviamente è un mio pensiero che non ha alcuna pretesa di essere condiviso, per questo mi sono permesso di dare come titolo alle righe che seguono: “Il lionismo che sogno”.

L’obiettivo principale dei Lions è il “We Serve”, che ci contraddistingue. Servire, sempre e comunque senza che ci siano limiti a questo mandato e ciò spiega il fatto che al “We Serve” non segue il complemento oggetto.

Ma veniamo al lionismo che sogno: esso è un modo di stare assieme all’interno di ogni club e tra club condividendo obiettivi, programmandoli assieme e lavorandoci alacremente sopra per raggiungerli. Continua a leggere

Mondo lions: Una vaccinazione, una vita

di Roberto Fresia *

E’ oramai trascorso 1 anno da quel 11 marzo 2011 in cui il Giappone è stato devastato dalla tripla catastrofe (terremoto, tsunami e incidente nucleare di Fukushima). E’ stato il terremoto più forte di sempre ed ha causato oltre 15.000 morti, 26.000 feriti e ingenti danni strutturali nel nord-est del Giappone. L’Imperatore del Giappone Akihito, in una cerimonia commemorativa al Tokyo National Theatre ha detto: “Noi non lasceremo che la nostra memoria dissolva il disastro… spero che tutte le persone manterranno le vittime nei loro cuori”.
 Continua a leggere